Piano Industria 4.0 - software

Piano Industria 4.0, incentivi fiscali anche per l’acquisto di software

Il piano nazionale Industria 4.0 è stato presentato il 21 settembre 2016 a Milano dal presidente del consiglio Matteo Renzi e dal Ministro dello Sviluppo Economico Carlo Calenda.

Industry 4.0 ridenominata in Italia Industria 4.0 (I4.0) è un termine utilizzato per indicare la cosiddetta Quarta Rivoluzione Industriale e comporta l’organizzazione di processi di produzione basati sulle ultime tecnologie e su dispositivi in grado di comunicare autonomamente tra di loro lungo la catena del valore.

Grazie all’IIoT (Industrial Internet of Things) e all’IoE (Internet of Everything) non solo digitale e reale si incontrano ma anche persone e macchine si integrano e comunicano tra loro portando alla creazione di una Smart Factory efficiente, flessibile e veloce.

 

Il piano del governo ha l’obiettivo di incentivare gli investimenti privati verso tecnologie e beni I4.0, aumentare la spesa privata in Ricerca, Sviluppo e Innovazione e rafforzare la finanza a supporto di I4.0, Venture capital e start-up.

Per favorire questi investimenti sono previsti incentivi fiscali per 13 miliardi di euro (non a “bando” ma attivabili da ciascuna impresa) distribuiti in 7 anni dal 2018 al 2024 per la copertura degli investimenti privati sostenuti nel 2017.

L’Italia dunque con questa iniziativa lancia un messaggio importante di supporto alle aziende e si allinea a progetti simili già avviati in Germania, Stati Uniti e Francia a favore dell’Industry 4.0.

 

I benefici attesi per le aziende manifatturiere dagli investimenti in nuove tecnologie e beni abilitanti all’Industria 4.0 sono:

industria-4-0-benefici-attesi

Fonte (slide Ministero Sviluppo economico)

Slide complete del Ministero dello Sviluppo Economico

 

I SOFTWARE NELL’ELENCO DELLE TECNOLOGIE INCENTIVABILI

Nell’elenco del piano relativo ai “Beni funzionali alla trasformazione tecnologica e/o digitale delle imprese in chiave Industria 4.0” sono al momento inserite (ma non si escludono modifiche) 47 categorie di beni e tra queste trovano spazio anche i software, suddivisi in 20 categorie, e riportati in un capitolo specifico dell’elenco, quello dei “Beni immateriali (software, sistemi e /system integration, piattaforme e applicazioni) connessi a investimenti in beni materiali Industria 4.0”.

Si va dai sistemi per la gestione e il coordinamento della produzione, Sistemi MES, Sistemi SCADA, Software per la modellazione 3D, alle piattaforme e applicazioni per il dispatching delle attività e l’instradamento dei prodotti nei sistemi produttivi.

Tra questi software abilitanti in particolare rientra nell’elenco il sistema MES Net@Pro, che comprende tutte le più avanzate funzionalità tecnologiche tipiche dell’Industria 4.0.
Lista dei beni incentivabili previsti dal Piano Industria 4.0

Anche i software quindi potranno usufruire degli incentivi previsti per gli altri beni del piano:

iperammortamento-e-superammortamento

Fonte (slide Ministero Sviluppo economico)

 

L’elenco è ancora provvisorio e potrebbe subire aggiunte o tagli, la Manovra infatti è stata varata sabato 15 ottobre con la specifica “salvo intese” e arriverà presto alle Camere.

Condividi con i tuoi amici










Inviare

Autore

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *